Comunicati Stampa

Comunicato stampa del 6 Dicembre 2021scarica la versione PDF.

PREMIO NAZIONALE PER L’INNOVAZIONE: VINCONO Adaptronics (Start Cup Emilia Romagna), Sinergy Flow (Start Cup Lombardia), Algor e Fidelio Medical (Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta). SINERGY FLOW VINCITORE ASSOLUTO PNI 2021

Conferito oggi a Roma il riconoscimento istituito nel 2003 dall’Associazione nazionale degli Incubatori Universitari e delle Business Plan Competition – PNICube per diffondere la cultura d’impresa in ambito universitario e potenziare il dialogo tra ricercatori, impresa e finanza.

Roma, 3 dicembre 2021 – Eccoli i più innovativi progetti d’impresa hi-tech vincitori della 19° edizione del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), la più grande e capillare business plan competition italiana, promossa dall’Associazione PNICube e ospitata quest’anno dall’Università di Roma “Tor Vergata”, grazie al sostegno di Regione Lazio, Lazio Innova, Unindustria, con la main partnership del Gruppo Iren e la main sponsorship di Intesa Sanpaolo, Intesa Sanpaolo Innovation Center e Gilead Sciences. I vincitori del PNI 2021 sono stati selezionati tra le 16 superfinaliste (https://www.pnicube.it/le16superfinaliste) da una Giuria composta da esponenti del mondo dell’impresa, della ricerca universitaria e del venture capital, sulla base di criteri come valore del contenuto tecnologico o di conoscenza, realizzabilità tecnica e potenzialità di sviluppo, adeguatezza delle competenze del team, attrattività per il mercato.

Abbiamo di fronte sfide fondamentali, anche oltre la pandemia – ha detto Alessandro Grandi, presidente di PNICube – Come il cambiamento climatico, la competitività, il rinnovamento delle strutture industriali ed economiche del Paese. I progetti presentati al PNI dimostrano, una volta di più, di essere in grado di fornire un contributo determinante a queste sfide, con soluzioni altamente innovative e concrete.”

Nato nel 2003 per diffondere la cultura imprenditoriale nel sistema della ricerca e sostenere la nascita di imprese ad alto contenuto di innovazione, negli anni il Premio Nazionale per l’Innovazione ha selezionato e accompagnato al mercato 899 startup, circa 50 l’anno, mettendo in rete i network locali – enti pubblici, investitori, imprese dei territori e le 51 università aderenti al circuito – e accorciando le distanze tra ricerca e mercato. La finale del PNI 2021, che è possibile rivedere sul canale youtube dell’Ateneo di “Tor Vergata”, ha visto la partecipazione di esponenti delle mondo dell’impresa e delle istituzioni. Tra questi, i ministri Maria Cristina Messa (Università e Ricerca) ed Enrico Giovannini (Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili) e Alon Simhayoff, Vice Ambasciatore d’Israele, dove “l’economia dell’innovazione produce il 15% del PIL e copre il 43% delle esportazioni” che ha ricordato i numerosi progetti di cooperazione fra università, istituti di ricerca e aziende dei due Paesi.

Ecco i vincitori dei 4 premi settoriali ognuno dei quali si porta a casa un assegno di 25mila euro.

Premio INDUSTRIAL (produzione industriale innovativa)
Adaptronics (Start Cup Emilia Romagna) – logistica più sostenibile e smart con dispositivi di presa elettro-adesivi e scotch sensorizzato riciclabile per monitorare lo stato della merce. 
Deep-tech startup che rivoluziona la logistica di trasporto merci, con l’obiettivo di renderla più sostenibile in tutte le fasi della filiera fino alla consegna dell’ultimo miglio. Un mercato da 210 B$ in cui il 63% delle aziende necessita di movimentazioni più efficienti e a cui il 70% delle aziende nel mondo richiede una maggiore trasparenza sulla catena di consegne. Due i prodotti di punta: gli ElectroAdapThesive Devices (EAD), strumenti di presa elettro-adesivi efficaci, sicuri e veloci, che diventano adesivi quando attivati elettricamente; e il Condition Monitoring Scotch (CMS), un nastro adesivo riciclabile come quello usato per chiudere i pacchi, per monitorare lo stato della merce e rendere qualsiasi imballaggio uno smart-packaging. “Già oggi fabbrichiamo la nostra tecnologia proprietaria (TRL4) al SAIMA lab – dice il co-founder Lorenzo Agostini – e prevediamo di raggiungere un TRL 8-9 e cominciare le vendite entro fine 2022, con uno scale-up industriale da fine 2023”.

Premio Iren CLEANTECH & ENERGY (miglioramento della sostenibilità ambientale) e VINCITORE ASSOLUTO PNI: Sinergy Flow (Start Cup Lombardia) – Una tecnologia di accumulo energetico a basso costo e altamente competitiva per contribuire a rendere reale la transizione energetica. Sinergy Flow propone una batteria innovativa a basso costo, sostenibile e ad alta efficienza per l’accumulo energetico su base multi-giornaliera, permettendo la penetrazione delle rinnovabili fino al 90% nel sistema energetico. La soluzione tecnologica sviluppata è una batteria a celle di flusso basata su materiali abbondanti e poco costosi, in pieno rispetto dei principi di Economia Circolare. Infatti, l’utilizzo dei sottoprodotti ricchi in zolfo dell’industria petrolchimica garantisce un costo di installazione estremamente ridotto, fino 30 volte inferiore rispetto alle soluzioni oggi sul mercato. “L’elevata accessibilità delle materie prime utilizzate eviterà la creazione di oligopoli geopolitici nel loro approvvigionamento, promuovendo l’indipendenza energetica delle singole comunità. – ha sottolineato la CEO Alessandra Accogli – Questo premio ci consentirà di accelerare lo sviluppo e la diffusione di questa tecnologia sul mercato e dare un contributo forte a una transizione energetica completamente sostenibile”. “Siamo lieti di consegnare il premio a Sinergy Flow – ha commentato Enrico Pochettino, Direttore Innovazione Gruppo Iren – Il Gruppo supporta da anni il PNI forte della convinzione che sviluppare un rapporto strutturato con le startup e l’ecosistema della ricerca sia fondamentale, a beneficio dello sviluppo industriale e per la crescita del sistema. Proprio in questo contesto si colloca il progetto di Corporate Venture Capital IREN UP, con cui investiamo nelle startup del cleantech e che rappresenta uno degli strumenti di cui ci siamo dotati per accelerare l’adozione di tecnologie a supporto degli ambiziosi programmi di sviluppo del Gruppo IREN.

Premio ICT (tecnologie dell’informazione e dei nuovi media):
Algor 
(Start Cup Piemonte e Valle D’Aosta) – l’Intelligenza Artificiale che crea mappe concettuali in modo automatico e personalizzabile, anche a supporto degli studenti con DSA. Utilizza l’Intelligenza Artificiale per rendere l’istruzione realmente inclusiva. La prima App – Algor Maps – permette di creare mappe concettuali in modo completamente automatico, facilitando l’apprendimento, ma senza sostituirsi allo studio. È sufficiente inserire un testo, e l’algoritmo lo sintetizza e lo trasforma in mappa, mantenendo i concetti chiave e rielaborando la sintassi dei periodi principali. Sviluppata con la supervisione di diverse Associazioni Nazionali, la mappa può essere estremamente personalizzata nell’ambiente grafico, ascoltata e condivisa. “Si tratta di una App di grande aiuto per gli studenti che soffrono di Disturbi Specifici dell’Apprendimento – dice il CEO Mauro Musarra – e al tempo stesso consente ai docenti di risparmiare tempo e dedicarsi ad attività più importanti.”

Premio LIFE SCIENCES-MEDtech (miglioramento della salute delle persone):
Fidelio Medical 
(Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta) – prima soluzione diagnostica digitale per lo screening e monitoraggio della carenza di ferro. La carenza di ferro colpisce 1 persona su 3, in particolare donne, bambini e persone con malattie croniche. La terapia è efficace, ma la diagnosi spesso tardiva, con rischio di anemia e complicanze gravi. Il dispositivo diagnostico, con la sua tecnologia brevettata, permetterà diagnosi precoce e monitoraggio regolare della carenza di ferro direttamente in ambulatori medici e farmacie. Il test – il 1° multimarkers per carenza di ferro disponibile al di fuori dei laboratori analisi – sarà implementato da un servizio digitale specifico per gli utenti finali, a partire dalla popolazione femminile. “Siamo un team multidisciplinare, disponiamo di una tecnologia brevettata e validata in laboratorio e di un importante partner per lo sviluppo industriale. – ha detto la founder Simona Roggero – Il seed financing ci permetterà di raggiungere la validazione finale per l’approvazione regolatoria e preparare l’ingresso sul mercato.”

Ha consegnato il Premio Michelangelo Simonelli, Senior Government Affairs Director di Gilead Sciences: “Gilead ha l’innovazione come cardine per lo sviluppo di terapie trasformative ed il Premio Speciale ci mette in condizione di creare un ponte ideale tra i nostri ricercatori e il sistema paese. L’impegno di Gilead nella ricerca, nella produzione, nelle iniziative di responsabilità sociale, trova naturale collocazione nel sostenere questa iniziativa di grande stimolo soprattutto per i nostri giovani.”

Premi Speciali promossi dall’Ateneo di Roma “Tor Vergata”:
Premio Migliore startup innovativa sociale – in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center,assegnato ad Algor* (Start Cup Piemonte e Valle D’Aosta). Con questo Premio Speciale siamo felici di dare supporto e visibilità a una nascente iniziativa che coniuga alto contenuto innovativo e finalità sociali – ha dichiarato Dr. Pierluigi Monceri, responsabile della Direzione Lazio e Abruzzo di Intesa Sanpaolo – L’innovazione è pilastro fondante nella strategia di Intesa Sanpaolo, insieme alla digitalizzazione sono entrambi fattori abilitanti chiave, li supportiamo attivamente e abbiamo un dialogo continuo con leader industriali, FinTech ed eccellenze accademiche. Siamo consapevoli di esercitare un notevole impatto sul contesto sociale, culturale e ambientale dei territori in cui operiamo. Il nostro obiettivo, e anche la nostra responsabilità, è lasciare un segno positivo e di lunga durata sulla società.

Premio Miglior startup innovativa giovani – in collaborazione con il Gruppo Giovani Imprenditori Unindustria, conferito a Pixies* (Start Cup Lazio) il cui team è composto per più del 50% da soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni. “La nostra Associazione stimola costantemente il rapporto tra Ricerca e Impresa, e siamo quindi felici di essere accanto a PNICube e all’Università di Tor Vergata, attraverso il nostro patrocinio al PNI – ha ribadito il Presidente di Unindustria Giovani, Corrado Savoriti – In particolare, con il Gruppo Giovani Imprenditori di Unindustria, abbiamo voluto enfatizzare la vicinanza all’iniziativa con una novità che, in questa edizione, valorizza l’ascolto delle nuove generazioni che hanno sofferto in modo particolare la pandemia. In un momento cruciale per la ripresa, contribuiamo sostenendo i giovani che vogliono fare impresa, innovano con le loro startup e vogliono incidere sul futuro.”

Gli altri Premi Speciali del PNI 2021:
Premio Speciale LIFTT Innovation Contest vinto da Roplastic* (Start Cup Lombardia), consiste nella possibilità di entrare nel portafoglio LIFTT, società operativa di investimenti che promuove un modello etico di impresa ispirato all’ESG (Environmental, Social and Corporate Governance Criteria), grazie ad un investimento di 50.000 euro ed un sostegno alla crescita di tipo gestionale e strategico da parte del suo team di Project Management.

Premio Speciale Mito Technology “PoC of the Year di Progress Tech Transfer” assegnato alla migliore proposta di proof- of-concept per tecnologie legate alla sostenibilità caratterizzata da un TRL almeno pari a 4 e vinto da Sinergy Flow (Start Cup Lombardia) che si aggiudica un pacchetto di servizi rappresentato da una analisi di freedom to operate di primo livello per la tecnologia, un report di rating della proprietà intellettuale e una revisione della proposta attraverso un coach designato dal fondo.

Premio Speciale UniCredit Start Lab vinto da Reefilla – Just Forget… to recharge* (Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta) che sarà seguita attraverso un percorso di mentoring, coaching, relationship managers e business meeting con i clienti corporate Unicredit, oltre ad ottenere la partecipazione alla Startup Academy. Dal 2014 UniCredit Start Lab ha visionato oltre 6.000 business plan, con soluzioni innovative per i settori più tradizionali del Made in Italy, così come per settori più di frontiera. Oltre 450 startup hanno già usufruito della piattaforma di business.

Premio speciale EIT Health – Hu-Move by AIDevices* (StartCup Toscana) riceve un voucher per accedere al Mentoring and Coaching Network di EIT Health e usufruire di una consulenza selezionando tra un’ampia gamma di esperti, partner, istituzioni e aziende in tutta Europa.

Premio speciale InnovUp – Il premio prevede l’Associazione gratuita a InnovUp per i 4 vincitori di categoria del Premio Nazionale per l’Innovazione.

Menzione speciale “Pari Opportunità”: istituita da Search On Media Group in collaborazione con l’Osservatorio Scientifico Imprese Femminili – OSIF dell’Università “Tor Vergata” con l’obiettivo di favorire l’imprenditorialità femminile, viene conferita a 3D Pinking* (Start Cup Lazio), che parteciperà con uno stand allo Startup District del Festival sull’Innovazione WeMakeFuture, a giugno 2022.

* CHI SONO I VINCITORI DI PREMI E MENZIONI SPECIALI:

  • 3D Pinking (Start Cup Lazio) – stampa 3D di nuovi compositi PEEK e sostituisce il metallo con stampe affidabili,resistenti, leggere in PEEK multifunzionale.
  • Hu-Move by AIDevices (StartCup Toscana) – il progetto sviluppa dispositivi smart indossabili e non invasivi,clinicamente convalidati dalla Società Italiana di Andrologia per le malattie andrologiche.
  • Pixies (Start Cup Lazio) – sviluppa un sistema che accoppia dei robot mobili autonomi e delle panchine smart peroffrire la pulizia autonoma di grandi spazi.
  • Reefilla – Just Forget… to recharge (Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta) ha sviluppato un ecosistema di ricaricaper aiutare gli utenti di veicoli elettrici a vivere la mobilità elettrica senza pensieri.
  • Roplastic (Start Cup Lombardia) – innovativa modalità di riciclo per una delle plastiche maggiormente prodotteal mondo, ovvero il PET.

Il PNI 2021 è promosso dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari e delle Business Plan Competition – PNICube ed è organizzato dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, grazie a Regione Lazio, Lazio Innova, Unindustria. Main Partner: Gruppo Iren. Main Sponsor: Intesa Sanpaolo, Intesa Sanpaolo Innovation Center, Gilead Sciences. Sponsor: Prysmian Group, BNP Paribas Cardif, Unicredit Start Lab, AVNET Silica, Cariplo Factory, Indaco Venture Partners SGR, LIFTT, Progress Tech Transfer, Sanofi, A11 venture, EIT Health Innostars, Italian Tech Alliance, InnovUp. In collaborazione con: Almaviva, SearchOn. Con il Patrocinio di: Ministero delle delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, Ambasciata d’Italia Santa Sede, Ambasciata d’Israele in Italia, Camera di commercio di Roma, Comune di Roma, ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile.

Info e programma https://www.pnicube.it/pni-2021


Comunicato stampa dell’11 Novembre 2021

PNI 2021: DALLA RICERCA ALL’IMPRESA PER UN FUTURO SOSTENIBILE

Il Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI) approda per la prima volta nel Lazio. Il 30 novembre e il 3 dicembre 2021 l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” ospiterà la due giorni dedicata alle migliori idee di impresa hi-tech nate dalla ricerca accademica, provenienti da 16 regioni italiane.

Roma, 10 novembre 2021 – Vale oltre 11 miliardi di euro la componente Dalla ricerca all’impresa” della missione 4 del PNRR dedicata a Istruzione e Ricerca, che si pone l’obiettivo di “innalzare il potenziale di crescita del sistema economico”, rafforzando i sistemi di ricerca e la loro interazione con il mondo delle imprese e delle istituzioni.

«Un’irripetibile opportunità di sviluppo che anche la rete degli incubatori universitari è determinata a cogliere – ha sottolineato il Presidente di PNICube Alessandro Grandi nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa – D’altronde, sostenere la nascita di imprese ad alto contenuto di innovazione, diffondere la cultura d’impresa in ambito accademico e favorire il rapporto tra ricercatori, aziende e finanza, sono da sempre le finalità del Premio Nazionale per l’Innovazione, e le startup nate dalla ricerca aiutano il Paese a rispondere alle sfide del presente e a costruire il futuro.»

E proprio “Dalla ricerca all’impresa per un futuro sostenibile” sarà il tema dell’edizione 2021 della più importante e capillare business plan competition d’Italia, PNI, promossa dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari – PNICube, che l’Ateneo di “Tor Vergata” organizza quest’anno a Roma il 30 novembre e 3 dicembre in un momento decisivo per il Paese, grazie al sostegno di Regione Lazio, Lazio Innova, Unindustria, con la main partnership del Gruppo Iren e la main sponsorship di Intesa Sanpaolo, Intesa Sanpaolo Innovation Center e Gilead Sciences.

«La scelta di organizzare quest’anno a Roma, all’Università di “Tor Vergata”, il PNI – ha dichiarato il Rettore Orazio Schillaci – è testimonianza ulteriore della volontà di dare concretezza al valore della ricerca e dell’università per il progresso sostenibile, in un momento cruciale per la ripresa del Paese e dell’Europa. Si tratta di un’occasione importante anche per il confronto e la progettualità sui temi della cooperazione tra università e imprese, argomento urgente per il Paese e tra le priorità del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.»

Un percorso generativo unico a livello locale e nazionale, quello del PNI, che l’OCSE (Report, 2019) ha riconosciuto come best practice per la sua capacità di mettere in rete i network locali – enti pubblici, investitori, imprese dei territori e le 51 università aderenti al circuito – per la promozione dell’innovazione e dell’imprenditorialità accademica. Dalla prima edizione, svoltasi nel 2003, il PNI ha selezionato e accompagnato al mercato 899 startup, circa 50 l’anno: «Un contributo strategico in innovazione e sostenibilità per uno sviluppo omogeneo delle regioni e dell’intero Paese – ha sottolineato la professoressa Paola Paniccia, coordinatrice per l’Ateneo di “Tor Vergata” del PNI 2021 e di Start Cup Lazio – che ci consente di poter affermare che grazie alla ricerca italiana ai giovani talenti possiamo costruire un futuro che sia davvero migliore per tutti.»

«Siamo molto felici che quest’anno per la prima volta la nostra Regione ospiti il PNI» ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Startup e Innovazione della Regione Lazio, Paolo Orneli «Un’iniziativa importante che si inserisce appieno nella nostra convinta strategia di sostegno alle startup, veri ‘enzimi’ che accelerano la transizione verso un’economia nuova, più dinamica, creativa e sostenibile. Negli anni passati abbiamo messo in campo ‘Lazio Startup!’, programma ambizioso e articolato grazie al quale le startup innovative laziali sono passate dalle 49 del 2013 alle oltre 1.600 di oggi. E il nostro impegno non si ferma, grazie anche ai nuovi Fondi europei 2021-2027 in arrivo, con i quali metteremo in campo nuove azioni. Un esempio: la nascita di un nuovo hub regionale dell’innovazione e delle startup che avrà sede nel centro di Roma nel quartiere della Stazione Termini, in prossimità del Fondo Nazionale Innovazione che sta realizzando CDP».page1image34819840page1image34819648

PNI 2021 | IL FORMAT

Tutto ruota intorno alla sfida a colpi di pitch tra i migliori progetti d’impresa hi-tech italiani nati in ambito universitario, con un montepremi complessivo di circa 1,5 milioni di euro , alla quale accedono gli oltre 60 vincitori delle 15 Start Cup regionali attivate dagli Atenei che aderiscono a PNICube. Ma c’è molto di più.

PNI 2021 si svolgerà in modalità mista in 2 giornate: martedì 30 novembre (dalle 10 alle 17:30), online, e venerdì 3 dicembre (dalle 09:30 alle 13:30), in presenza nell’Ateneo di “Tor Vergata” e in streaming. Nell’area virtuale Innovation Expo aziende, investitori e “open innovator” nazionali e internazionali potranno accedere agli stand dei migliori progetti d’impresa innovativa, con i quali sarà poi possibile approfondire opportunità di business iscrivendosi alle sessioni di Business Match. Nel corso delle due giornate, si terranno numerosi panel di riflessione e confronto sul ruolo dell’università nel passaggio “dalla ricerca all’impresa” all’interno del nuovo contesto socio-economico creato dalla pandemia, e nel quadro degli obiettivi del PNRR. Il 3 dicembre (9:30-13:30), invece, andrà in scena – anche in streaming – la sfida finale e la cerimonia di premiazione. Entrambe le giornate sono aperte al pubblico attraverso la piattaforma “unitorvergata-pni2021.ibrida.io”.

Gli oltre 60 finalisti provenienti da tutta Italia si contenderanno 4 premi settoriali di 25.000 euro ciascuno – IREN Cleantech&EnergyICTIndustrial Life Sciences-MEDTech – e il titolo di vincitore assoluto del PNI 2021, che garantirà all’istituzione accademica di provenienza la Coppa Campioni PNI. Novità di quest’anno, l’istituzione di due Premi Speciali promossi dall’Ateneo di Roma “Tor Vergata” per la Migliore startup innovativa sociale, in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Intesa Sanpaolo Innovation Center, e per la Migliore startup innovativa giovani, in collaborazione con Gruppo Giovani Imprenditori Unindustria. Saranno inoltre assegnati il Premio LIFTT Innovation Contest, il Premio Mito Technology “PoC of the Year di Progress Tech Transfer” e il Premio Unicredit Start Lab.

Il PNI 2021 è promosso dall’Associazione Italiana degli Incubatori Universitari PNICube e organizzato dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, grazie a Regione Lazio, Lazio Innova, Unindustria. Main Partner: Gruppo Iren. Main Sponsor: Intesa Sanpaolo, Intesa Sanpaolo Innovation Center, Gilead Sciences. Sponsor: Prysmian Group, BNP Paribas Cardif, Unicredit Start Lab, AVNET Silica, Cariplo Factory, Indaco Venture Partners SGR, LIFTT, Progress Tech Transfer, A11 venture, EIT Health Innostars, VC Hub, InnovUp. In collaborazione con: Almaviva, SearchOn. Con il Patrocinio di: Ministero delle delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, Ambasciata d’Italia Santa Sede, Ambasciata d’Israele in Italia, Camera di commercio di Roma, Comune di Roma, ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile.

Info e programma https://www.pnicube.it/pni-2021

___________

PNICube è l’Associazione italiana degli incubatori universitari e delle business plan competition regionali, denominate StartCup. Nata nel 2004, ha lo scopo di stimolare la nascita e accompagnare al mercato nuove imprese ad alto contenuto di conoscenza generate dal mondo accademico. Oggi PNICube conta 51 associati tra Università e incubatori accademici, 15 StartCup attive sull’intero territorio nazionale in 16 regioni. Da anni l’Associazione promuove l’Italian Master Startup Award, che premia la giovane impresa hi-tech con il maggior successo di mercato, e il Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), “Coppa Campioni” tra i progetti d’impresa innovativi vincitori delle StartCup regionali.


Comunicato stampa del 22 Ottobre 2021

I vincitori della 7a Edizione di Start Cup Lazio 2021

Conferiti ieri premi e menzioni speciali per la 7a Edizione della Finale Start Cup Lazio 2021 – SCL 2021, Business Plan Competition regionale che sostiene e premia i migliori progetti di impresa innovativa nati nelle Università e negli Enti di Ricerca del Lazio, nell’ambito del Premio Nazionale per l’Innovazione – PNI 2021.

Roma, 22 ottobre 2021 – La competizione si è aperta con i saluti di Orazio Schillaci, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e ha visto la partecipazione di Nicola Tasco, Presidente Lazio Innova, Luigi Campitelli, Direttore Spazio Attivo e Open Innovation Lazio Innova, Daniela La Noce, Responsabile Promozione e Sostegno Spin-off, Unità Valorizzazione della Ricerca CNR e Vincenzo Tagliaferri, Prorettore al Trasferimento Tecnologico Università di Roma “Tor Vergata”. L’evento è stato moderato dalla Coordinatrice Start Cup Lazio, Paola Paniccia dell’Università di Roma “Tor Vergata”.

Nel corso dell’evento, trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Lazio, i team dei 10 migliori progetti selezionati tra i 27 finalisti di Start Cup Lazio 2021 hanno raccontato in brevi pitch il valore del loro progetto d’impresa innovativa nei settori Life Sciences- MedTechICT Cleantech & EnergyIndustrial, ad una Giuria di esperti, professionisti e accademici per aggiudicarsi il podio SCL 2021 con il montepremi Regione Lazio. 

“In un momento cruciale per la ripresa, i risultati conseguiti dall’edizione 2021 della Start Cup Lazio confermano l’importante ruolo dell’università per l’innovazione e il progresso verso la sostenibilità della regione Lazio e del Paese. Ne sono prova la numerosità e la qualità dei progetti d’impresa presentati dai ricercatori e dagli studenti che hanno partecipato a questa edizione dell’iniziativa”, ha affermato Orazio Schillaci, Rettore dell’Università di Roma “Tor Vergata”.

“Il network della StartCup è una rete consolidata, che si conferma prezioso interlocutore per la Regione Lazio. Una collaborazione collaudata e proficua, attraverso cui facilitare l’emersione di buone idee provenienti dagli innovatori del nostro territorio, sfruttando al contempo le infinite opportunità che l’open innovation offre al mondo della produzione. L’obiettivo è mettere a sistema il valore di ciascuno, per condividere iniziative, opportunità e per sviluppare progettualità comuni”, ha sottolineato Nicola Tasco, Presidente di Lazio Innova.

La 7a edizione della Start Cup 2021 ha premiato:

  • Per i Team Giovani

1° Classificato: Pixies (Università di Roma “Tor Vergata”)

2°Classificato: AcademiCoin (Università di Cassino e del Lazio Meridionale)

3° Classificato: M8 (Università Roma Tre) 

  • Per i Team Ricercatori

1° Classificato: BioLT – BIOactive Liposome Therapeutics (Università di Roma “Tor Vergata”) 

2°Classificato: Alisea, il verde che cura (Università di Cassino e del Lazio Meridionale)

3° Classificato: 3D Pinking (Università dell’Università di Roma “Tor Vergata”)

4° Classificato: MyBiros (Università Roma Tre)

5° Classificato: MIQAS – Monitoraggio integrato della qualità delle acque sotterranee (CNR)

SCL 2021 ha assegnato, inoltre, Menzioni Speciali e Premi Speciali:

  • Menzione Speciale “Pari Opportunità”, conferita dal Prof. Ferrante ai migliori progetti nel campo delle pari opportunità e volti a favorire l’imprenditorialità femminile, assegnata a: 3D Pinking (Università di Roma “Tor Vergata”), Eco – Iniziativa sociale (Università di Roma “Tor Vergata”), Oasi High Tech (Università di Roma “Tor Vergata”), Sartoria Sociale Sottosopra (Università di Cassino e del Lazio Meridionale), SmartPharma (Campus Bio-medico di Roma).
  • Menzione Speciale “Social Innovation”, conferita dal Prof. Ferrante ai migliori progetti nel campo dell’innovazione sociale in base ai criteri espressi dalla normativa per le Startup Innovative, assegnata a: Alisea, il verde che cura(Università di Cassino e del Lazio Meridionale), Eco-Iniziativa Sociale (Università di Roma “Tor Vergata”), L’algoritmo gentile (Sapienza Università di Roma), MIQAS – Monitoraggio integrato della qualità delle acque sotterranee (CNR), Oasi High Tech (Università di Roma “Tor Vergata”), AcademiCoin (Università di Cassino e del Lazio Meridionale), Pixies(Università di Roma “Tor Vergata”), Sartoria Sociale Sottosopra (Università di Cassino e del Lazio Meridionale).
  • Premio Speciale “Regione Lazio”, per l’accesso al percorso Lazio Innova di formazione per design di prodotto e definizione del modello di business (compreso l’eventuale supporto alla progettazione/prototipazione) o di go-to-market in funzione del livello di sviluppo del progetto imprenditoriale, assegnato a: BioLT – BIOactive Liposome Therapeutics (Università dell’Università di Roma “Tor Vergata”), Heremos – Health Remote Monitoring System (Campus Bio-Medico di Roma), Oasi High Tech (Università di Roma “Tor Vergata”).
  • Premio Speciale “Intesa Sanpaolo Innovation Center”, per l’ammissione diretta ad uno dei percorsi della StartUp Initiative (Boot Camp, Coaching 1:1 e Deal Line-Up) del Gruppo Intesa Sanpaolo, assegnato a: Heremos – Health Remote Monitoring System (Campus Bio-Medico di Roma) e Pixies (Università di Roma “Tor Vergata”).
  • Premio Speciale “LVenture Group“, per l’ammissione diretta all’ultima fase di selezione del percorso di accelerazione, assegnato a: Optivo (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”) e SmartPharma (Campus Bio-Medico di Roma).
  • Premio Speciale “INNOVA“, per l’accesso al programma di accelerazione B-HUB FOR EUROPE che include servizi di incubazione e accelerazione per imprese innovative proprietarie di una soluzione tecnologica in ambito Deep-Tech, assegnato a OHT – Oasi High-Tech (Università di Roma “Tor Vergata”).
  • Premio Speciale “Rogue Data”, per l’ammissione al programma di incubazione e partecipazione alla progettazione di soluzioni in ambito Smart City, assegnato a: Heremos – Health Remote Monitoring System (Campus Bio-Medico di Roma) e Pixies (Università di Roma “Tor Vergata”).

I 5 vincitori del “Team Ricercatori” SCL 2021 accedono al Premio Nazionale per l’Innovazione – PNI 2021 che si terrà nelle giornate di martedì 30 novembre (online) e venerdì 3 dicembre presso l’Ateneo di “Tor Vergata” e in diretta streaming. PNI è la più importante Business Plan Competition in Italia per startup nate dalla ricerca, promossa dall’Associazione nazionale PNICube che riunisce 51 Atenei e Incubatori accademici, coinvolgendo le regioni italiane attraverso le Start Cup-Business Plan Competition che rappresentano la fase regionale della competizione PNI.

Start Cup Lazio è promossa da un network, nato nel 2015 nel Lazio, che aggrega 40 soggetti tra cui 8 università, 7 enti di ricerca e qualificate imprese, organizzazioni finanziarie e associazioni. La competizione regionale è coordinata dall’Ateneo di “Tor Vergata” in partnership con la Regione Lazio per il tramite di Lazio Innova nell’ambito del Premio Nazionale per l’Innovazione-PNI.

CHI SONO I VINCITORI


Sono 10 i team finalisti che si sfideranno giovedì 21 ottobre alle ore 15.00 per aggiudicarsi il podio di Start Cup Lazio – SCL 2021, la Business Plan Competition regionale che sostiene e premia i migliori progetti di impresa innovativa generati dalle Università e dagli Enti di Ricerca del Lazio, nell’ambito del Premio Nazionale per l’Innovazione 2021!

Ecco il comunicato stampa.


Comunicato stampa del 27 Ottobre 2020

Ecco i vincitori della 6a Edizione della Finale Start Cup Lazio 2020

Conferiti i premi e menzioni speciali per la 6a Edizione della Finale Start Cup Lazio 2020 – Business Plan Competition ai migliori progetti di impresa innovativa generati dal sistema regionale della ricerca scientifica.

Roma, 27 ottobre 2020 – Start Cup Lazio (SCL) sostiene la creazione e accompagna al mercato Start-up/Spin-off innovativi ad elevato contenuto di conoscenza provenienti dal sistema regionale della ricerca scientifica e favorisce i processi di trasferimento di conoscenza al fine di promuovere lo sviluppo del territorio e del Paese, anche attraverso l’erogazione di servizi presso gli incubatori e gli Spazi Attivi regionali.

Una vera e propria Business Plan Competition promossa dalle Università e dagli Enti di ricerca del Lazio in collaborazione con prestigiosi partner industriali e finanziari, organizzata e coordinata dall’Ateneo di Roma “Tor Vergata” in partnership con Regione Lazio/Lazio Innova.

Alla finale del 26 ottobre si sono sfidati 20 team – 10 “team ricercatori” e 10 “team giovani” per un totale di 72 persone tra ricercatori, dottorandi e studenti – in diretta streaming sulla pagina Facebook “Lazio Innova” che in pitch di 3 minuti hanno illustrato il contenuto innovativo del loro progetto d’impresa e hanno risposto alle domande del Comitato di Valutazione SCL, composto da: * Componenti del Comitato di Valutazione: Barbara Aquilani (Università degli Studi della Tuscia), Federico Belli (Peekaboo), Luigi Campitelli (Lazio Innova), Gianfilippo Capriotti (Università Campus Bio-medico), Andrea Del Piaz (Università degli Studi Roma Tre), Francesco Ferrante (Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale), Aleardo Furlani (Lazio Innova), Gennaro Iasevoli (Libera Università Maria Santissima Assunta-LUMSA), Sofia Ingrosso (Sapienza Innovazione), Daniela la Noce (Consiglio Nazionale delle Ricerche-CNR), Gustavo Mastrobuoni (Rogue Data), Francesco Mazzocco (Intesa Sanpaolo), Paola Paniccia (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”), Matteo Paradisi (LVenture Group), Mario Risso (Università Niccolò Cusano), Vittorio Rosato (ENEA), Danilo Rubini (Agenzia Spaziale Italiana-ASI), Alberto Silvani (Monitoraggio Economia e Territorio-MET), Beatriz Villagrasa (LUISS Guido Carli).

L’edizione 2020 della SCL si è rafforzata grazie al montepremi messo a disposizione dalla Regione Lazio/Lazio Innova e alla sinergia con il progetto regionale “SVITA–Scuola di impresa per le start-up legate ai temi di scienze della vita”.

La cerimonia di premiazione si è aperta con i saluti del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Orazio Schillaci, e ha visto la partecipazione del Sottosegretario al MISE, Gian Paolo Manzella e del Presidente dell’Associazione PNICube, Alessandro Grandi, dell’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio, Paolo Orneli, del Presidente di Lazio Innova, Nicola Tasco, del Direttore Spazio Attivo e Open Innovation di Lazio Innova, Luigi Campitelli, del Prorettore al Trasferimento Tecnologico dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Vincenzo Tagliaferri e del Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali AlmavivA, Michele Svidercoschi. L’evento è stato moderato dal Coordinatore della Start Cup Lazio, Paola Paniccia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. I team sono stati presentati da Silvia Baiocco Francesco Scafarto, dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Valentina Diana, di Lazio Innova.

L’edizione 2020 della Start Cup Lazio ha premiato:

  • Per i Team Giovani
    1° Classificato: Toolery (Università di Roma “Tor Vergata”)
    2°Classificato: Quadrivium (Università di Roma Tre)
    3° Classificato: Guardian and Care (Università di Cassino e del Lazio Meridionale)
  • Per i Team Ricercatori
    1° Classificato: Nanotech (Università di Roma “Tor Vergata”) 2°Classificato: Nephrotimp (Università di Roma “Tor Vergata”) 3° Classificato: Netabolics (Centro Enrico Fermi)
    4° Classificato: Green Clean Biotech (CNR)
    5° Classificato: StrokeCap (Università di Roma “Tor Vergata”)SCL 2020 ha visto inoltre l’assegnazione anche delle seguenti Menzioni Speciali e dei seguenti Premi Speciali

CHI SONO I VINCITORI

Nanotech, dell’Università di Roma “Tor Vergata”: un nanocollagene innovativo per il restauro e la conservazione di pergamene e tessuti antichi e moderni.
Nephrotimp, dell’Università di Roma “Tor Vergata”: un farmaco per la nefropatia diabetica.
Netabolics, del Centro Enrico Fermi: soluzioni di intelligenza artificiale basate sull’analisi del metabolismo cellulare.
Green Clean Biotech, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR): un sistema di decontaminazione dall’arsenico dalle acque potabili, mediante un processo ecosostenibile di fitodepurazione che utilizza la felce Pteris vittata.
StrokeCap, dell’Università di Roma “Tor Vergata”: un prodotto per lo screening pre-ospedaliero di sospette lesioni intracraniche in situazione acuta (ictus o trauma).
Toolery, dell’Università di Roma “Tor Vergata”: una piattaforma proprietaria che digitalizza l’intera filiera edile.
Quadrivium, dell’Università di Roma Tre: un videogioco storico per mobile che prevede l’uso di geolocalizzazione e realtà aumentata per consentire ai giocatori di esplorare e riscoprire la cultura storico-artistica delle città in cui si trova.
Guardian and Care, dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale: una piattaforma digitale che fornisce un servizio efficace, personalizzato ed efficiente, per chiunque pratichi l’attività di cura in modo informale (familiari) e formale (badanti).

Clicca qui per accedere alla versione PDF del comunicato stampa.