Progetti finalisti – precedenti edizioni

2020

Titolo Progetto4D Smart-Brace
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Categoria Industrial/Life Sciences
L’idea imprenditoriale Leandro Iorio e Claudia Papa, co-founders della startup 4D Smart-Brace, si propongono di inserire nel mercato dei dispositivi biomedicali degli innovativi tutori 4D da impiegare nella fase di riabilitazione per pazienti che abbiano subito fratture o contusioni di diversa entità. Ergonomia, praticità, design e materiali innovativi sono solo alcune delle principali caratteristiche del nostro prodotto. Il valore del prodotto risiede infatti nel coniugare i vantaggi delle tecnologie di additive manufacturing con la versatilità e le potenzialità dei materiali smart. I materiali a memoria di forma permettono di ottenere un connubio vincente di innovazione e affidabilità.Grazie alle proprietà dei materiali a memoria di forma, si possono realizzare dispositivi a partire da modelli cad fissati ma personalizzabili. Prodotti tramite tecniche additive, verranno posizionati sulla zona fratturata assumendone la forma. In questo modo sarà possibile eliminare le tempistiche associate al reverse engineering necessarie per la produzione di attuali tutori 3D. la possibilità di modellare in modo ottimale il tutore 4D, permetterà lo sviluppo di soluzioni che rendano quanto più confortevole possibile la fase di riabilitazione della parte interessata dal trauma. Siamo un team affiatato, con voglia di fare ed emergere e con il tutore 4D rivoluzioneremo il modo di intendere la riabilitazione.
Titolo ProgettoClinicApp Help Mobile
Ateneo di riferimento Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale
Categoria Life Sciences
L’idea imprenditoriale ClinicApp Help Mobile è un’APP che consente di avere la propria cartella clinica sempre con sé per gestire meglio la propria salute e il proprio benessere accedendo a informazioni “vitali” da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento.
Titolo ProgettoChilometroZero
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata/Tuscia
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale ChilometroZero è un’idea molto semplice: un marketplace alimentare che mette in contatto il produttore con il consumatore finale, saltando tutti gli intermediari della grande distribuzione, così da incentivare il consumo di prodotti a Km0 e la filiera corta e cortissima. Il consumo di prossimità è sensibilmente aumentato durante la pandemia del Covid-19 ed è destinato a crescere ancora nel prossimo futuro, con un incremento del consumo di beni primari. Le restrizioni dell’emergenza Covid hanno cambiato i comportamenti dei consumatori con la riduzione degli spostamenti e la conseguente riduzione dei consumi nei canali Ho.Re.Ca. La nostra mission è: diventare un punto di riferimento per la filiera corta alimentare e la sostenibilità ambientale.
Titolo ProgettoCObot for VIrus Detection
Ateneo di riferimento Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale
Categoria ICT/Life Sciences
L’idea imprenditoriale In questo periodo stiamo vivendo un’emergenza sanitaria globale, ovvero la pandemia di COVID-19. Il modo più efficace per contenere questa pandemia consiste nel separare quanto più possibile gli infetti dalle persone sane, mediante l’accertamento dell’avvenuto contagio con l’esecuzione di un tampone rinofaringeo sul paziente, attualmente affidata ad operatori sanitari. La nostra idea si focalizza su un prodotto che possa sostituire l’uomo nell’eseguire questa operazione. In particolare, il prodotto in questione è rappresentato da un sistema robotico intelligente opportunamente sensorizzato, capace quindi di svolgere la procedura per la raccolta del campione di saliva o muco in maniera completamente autonoma.L’intero sistema è pensato per essere utilizzato in strutture ospedaliere, aeroporti, stazioni e tutti quei luoghi considerati punti critici per la trasmissione del virus.I vantaggi dell’utilizzo di un sistema robotico autonomo per l’acquisizione dei tamponi rinofaringei sarebbero molteplici, in particolare: distanziamento tra pazienti e operatori sanitari, limitando l’esposizione al virus di questi ultimi e quindi fornendo maggiore sicurezza; maggior numero di test effettuati in minor tempo mediante l’uso di più unità in parallelo; economicità su grandi numeri, e.g., applicazioni in aeroporti internazionali come quello di Roma-Fiumicino con mediamente tre milioni di passeggeri al mese a pieno regime.
Titolo ProgettoED8
Ateneo di riferimento Università degli studi di Cassino e del Lazio
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale ED8 è un progetto di didattica digitale, che crea un anello di congiunzione tra la robotica educativa e il processo di formazione on line; un sistema che parte dalla progettazione e realizzazione di programmi di didattica tradizionale e trasforma l’intero processo in digitale. Nato all’interno della Scuola Primaria Santa Giovanna Antida Thouret di Sora (FR) , che ne ospita anche la sede principale, con l’aiuto tecnico di Fri3nd Stampa 3D e Gekolab laboratorio informatico, entrambe realtà di Sora (FR). Un team giovane e dinamico, che ha unito le loro realtà aziendali in rete per la realizzazione dell’idea, già forti delle esperienze lavorative nei campi della formazione e nella gestione aziendale. “Puntiamo a creare una didattica applicata che si integra perfettamente con quella tradizionale, fatta di programmi digitali che si realizzano tramite nuove tecniche e tecnologie”. Con l’aiuto di un robottino dotato di intelligenza artificiale, si amplia il programma formativo della scuola e si stimola il bambino a una nuova formazione. Il risultato a cui ambiamo è una scuola nuova, moderna, che fa della didattica digitale una realtà concreta, inserita nella didattica tradizionale. “We Make Knowledge”.
Titolo ProgettoGrAn_Sens (Graphene Analyst Sensors)
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Categoria Industrial
L’idea imprenditoriale L’idea di impresa GrAn_Sens si propone di produrre e vendere Attuatori con membrana di grafene/porfirine e cella di Clark equipaggiata di connessione Wireless per la trasmissione di segnale, in situ.
Titolo ProgettoGreen Clean Biotech
Ateneo di riferimento Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR
Categoria Cleantech & Energy
L’idea imprenditoriale La contaminazione da arsenico dell’acqua potabile è problema di dimensioni mondiali e particolarmente sentito in Italia, dove la rimozione dell’arsenico dall’acqua si basa su sistemi di filtrazione che prevedono elevati costi di istallazione, gestione e consumo energetico.La mission della costituenda Start-up Innovativa “Green Clean Biotech” mira a rivoluzionare gli attuali sistemi di filtraggio dell’acqua potabile, attraverso Hydro Fern, un sistema di de-arsenificazione biodinamico CO2 free innovativo ed ecocompatibile, che sfrutta la capacità della felce perenne Pteris vittata di rimuovere rapidamente l’arsenico dall’acqua. Hydro Fern prevede l’installazione di un modulo scalabile per la crescita delle piante in verticale che filtrano l’acqua in condizioni controllate, massimizzando l’efficienza di rimozione dell’arsenico. Il design del modulo, ottimizzato in base al volume di acqua, lo rende versatile, adattandolo sia ad ambiti privati, che industriali. L’abbattimento dei costi di gestione, lo sviluppo su spazi ristretti, la decarbonizzazione dell’aria e il recupero della biomassa di scarto, nell’ottica di un processo virtuoso di economia circolare, rendono Hydro Fern una “GREEN REVOLUTION”. Supportati da imprese di gestione del servizio idrico prevediamo ulteriori investimenti in ricerca e sviluppo, per poi avviare produzione e commercializzazione, prevedendo una redditività del capitale investito (ROI), in tre anni pari al 1%, 8% e 21%.
Titolo ProgettoGuardian and Care
Ateneo di riferimento Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale
Categoria Life Sciences
L’idea imprenditoriale Guardian and Care nasce da un’esperienza personale, dal rilevamento di alcune criticità e dalla volontà di fornire un servizio efficace, personalizzato ed efficiente, per chiunque pratichi l’attività di cura, in modo informale (familiari) e formale (badanti).L’idea diventa un progetto integrato e multidisciplinare della cura, con l’obiettivo di promuovere e garantire il diritto alla salute nonché la qualità della vita degli individui che vivono in una condizione temporanea o permanente di fragilità e dei loro caregiver.La nostra mission è creare attraverso una piattaforma digitale una “comunità di cura”, informata, formata e consapevole, in cui la cura si realizza attraverso la condivisione e si concretizza attraverso la relazione con l’altro e il mondo circostante, grazie all’utilizzo delle tecnologie immersive.La nostra proposta di valore si sostanzia nell’attivazione di una piattaforma digitale Guardian and Care e si sostanzia in due azioni precise:Formativa: tramite corsi di formazione e-learning per caregiver oltre ad informazioni e supporto a vari livelli all’interno del CarelabImmersiva: attraverso il giardino di cura CareGarden – concepito e realizzato in modalità virtuale prima, fisica poi – ove il soggetto fragile potrà accedere ad attività dedicate e personalizzate sulle proprie esigenze terapeutiche.
Titolo ProgettoH Y P O – P R X (discovery and development of new pharmacological hypoglycemic agent for the treatment of type 2 diabetes mellitus)
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Categoria Life Sciences
L’idea imprenditoriale Nel 2019 circa 463 milioni di casi (9,3%), in adulti fra i 20 e 79 anni, hanno il Diabete Mellito. La terapia con farmaci ipoglicemizzanti non riesce a controllare efficacemente nel tempo l’iperglicemia. Si propone la creazione di una Start-Up composta da un team di medici, biologi, statistici etc. per studiare e caratterizzare nuove molecole ipoglicemizzanti, che collaborerà con l’Università di Roma “Tor Vergata”. Recentemente applicando differenti approcci sperimentali è stata individuata la Peroxiredossina6 (Prdx6), un enzima antiossidante, come una molecola simil ormonale che stimola la secrezione dell’insulina e del GLP-1 e, riduce i livelli d’insulino-resistenza (meccanismo d’azione brevettato). Si propone di completare la ricerca in-vitro e preclinica su piccolo roditore per iniziare un clinical trial di fase 1 sull’uomo. Si otterrà come prodotto il brevetto e/o la licenza che potranno essere ceduti. Calcolando il mercato di riferimento del prodotto farmaci ipoglicemizzanti iniettivi, i ricavi sono stati stimati  a partire da 4ML di euro. L’analisi dei costi necessari nei 3 anni alla conduzione del progetto sarà di circa €1.4ML. 
Titolo ProgettoMobile App TacciTua
Ateneo di riferimento Università degli studi di Roma Tor Vergata
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale TacciTua è una mobile app che consente di ridurre i costi sociali legati al traffico e alle soste vietate in città.L’utente, nel caso sia stato bloccato da un’auto parcheggiata davanti il suo cancello o in seconda fila, potrà cercare la targa sull’app e contattarne direttamente il proprietario.Ma non solo, TacciTua è utile per molte altre emergenze come, ad esempio, un bambino che è stato dimenticato in auto, un’ambulanza che non riesce a passare, il comune deve fare dei lavori e bisogna spostare l’auto urgentemente, sono stati dimenticati i fari accesi e molti altri.Quindi, TacciTua non solo risolve il problema di chi parcheggia male, ma garantisce anche la sicurezza sociale e del veicolo portando alla società degli enormi benefici.L’app è semplice ed intuitiva, infatti è possibile scaricarla gratuitamente e iscriversi usando il proprio account Google o Apple. Successivamente, basta inserire il numero di targa e il numero di telefono. Per chiamare il proprietario di un veicolo, l’utente può cercare il numero di targa e premere il pulsante chiama.
Titolo ProgettoNanoteCH (Nanotechnology & Cultural Heritage)
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Categoria Industrial
L’idea imprenditoriale L’idea di impresa costituenda NanoteCH si propone di produrre e vendere nano-collagene, nano-propionato, nano-carbonato e nano-foglietti di grafene per il restauro eco-sostenibile di beni culturali.
Titolo ProgettoNephroTIMP
Ateneo di riferimento Università degli studi di Roma Tor Vergata
Categoria Life Sciences
L’idea imprenditoriale La nefropatia diabetica è una delle maggiori complicanze a lungo termine del diabete. Si stima che entro il 2030 oltre 191 milioni di persone ne saranno affette. Il mercato globale è di 3,826 milioni di dollari nel 2020.Attualmente nessun farmaco risulta essere specifico. NephroTIMP è peptide di fusione con azione terapeutica specifica nel rene. In studi preclinici in vivo, NephroTIMP ha mostrato significativi effetti anti-infiammatori, anti-fibrotici e anti-ossidanti accompagnati da un miglioramento dell’albuminuria e dalla riduzione delle lesioni renali.Il team di NephroTIMP, composto da un diabetologo clinico e traslazionale, una chimica molecolare clinica e delle fermentazioni, e una biologa molecolare e cellulare, lavora insieme da oltre dieci anni e ha all’attivo numerose pubblicazioni e progetti internazionali esi sta costituendo in spin-off accademica a responsabilità limitata, NephroTIMP s.r.l., finalizzata allo sviluppo, alla promozione e alla commercializzazione di nuovi farmaci per la cura della nefropatia diabetica. Per NephroTIMP è stato rilasciato brevetto italiano No. 102018000001663 in data 17 Marzo 2020 con estensione europea e USA. Nei prossimi anni si prevedono studi di tossicologia e studi clinici di fase 1 e 2a nell’uomo (2025).
Titolo ProgettoNetabolics
Ateneo di riferimento Centro Ricerche Enrico Fermi
Categoria Life Sciences
L’idea imprenditoriale Netabolics è una startup innovativa che si inserisce nel mercato dell’intelligenza artificiale applicata al settore farmaceutico. La nostra mission è rendere più veloce, economico ed efficiente il processo che porta alla scoperta di nuovi farmaci, che ad oggi può richiedere fino a 15 anni di tempo e più di 2 miliardi di euro di spesa per un singolo farmaco. La nostra soluzione si concentra sugli effetti metabolici dei farmaci, che rappresentano uno dei principali motivi per cui molti potenziali nuovi farmaci risultano poi poco efficaci o addirittura tossici per l’organismo. In particolare, Netabolics offre una piattaforma cloud che utilizza metodi proprietari basati su tecniche di intelligenza artificiale che permettono di costruire una replica digitale di un organismo vivente sulla quale testare l’effetto dei farmaci. Il mercato dell’intelligenza artificiale applicata alla scoperta di nuovi farmaci cresce più del 40% anno su anno, e raggiungerà 1.5 miliardi di Euro nel 2025. Netabolics capitalizza circa dieci anni di ricerca scientifica nel campo della biofisica, ma vanta al suo interno anche competenze in informatica, marketing e finanza. Abbiamo sviluppato un prototipo della piattaforma e contiamo di iniziare a breve la fase di test in ambiente reale per andare sul mercato in circa 12 mesi.
Titolo ProgettoNight Citizen
Ateneo di riferimento Roma Tre
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale Night Citizen – Il “The Fork” della NightlifeNight Citizen è una mobile app che permette a tutti coloro che amano uscire la sera, di trovare cosa fare in modo semplice, veloce ed efficace. Permette infatti ai suoi utenti di ottenere, attraverso un’interfaccia ottimizzata e dal design accattivante, tutte le informazioni necessarie riguardo i migliori locali ed eventi nella propria città. Inoltre, prenotando attraverso la app, gli utenti potranno generare un QR-Code che permetterà di ottenere esclusivi sconti.In fine, grazie all’integrazione di un software di intelligenza artificiale, la nostra app comprende i gusti ed i desideri degli utenti, e sarà lei stessa a proporre le migliori attività…Trovare cosa fare la sera, non sarà mai stato così facile!Abbiamo inoltre sviluppato una piattaforma destinata a tutti gli operatori del mondo della notte.Un efficiente Software BI che permette non solo di accedere alla nostra app e promuovere la propria attività, bensì uno strumento di profilazione utenti ed analisi delle performance del proprio locale.
Titolo ProgettoPet-amì
Ateneo di riferimento Università degli studi di Roma Tor Vergata
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale Pet-amì vuole rappresentare un’innovazione concreta. Per questo crediamo in un modello operativo basato su sostenibilità e solidarietà. Scegliamo di investire in strumenti innovativi, creando una piattaforma digitale ad alto valore sociale che permetta di segnalare situazioni di smarrimento e ritrovamento, di facilitare la gestione del proprio cane e di favorire lo scambio di informazioni tra proprietari di animali e professionisti del settore. “Connecting your pet needs”.
Titolo ProgettoQuadrivium – Paths of History
Ateneo di riferimento Roma Tre
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale Quadrivium – Paths of History è un progetto che ha uno scopo importantissimo: salvare l’Energia Glänzen!Cos’è?È una particolare forma di energia, scoperta dal Prof. Köhl in Germania negli anni ’60 ed è generata dal cervello umano quando prendiamo parte a particolari eventi. Tu che stai leggendo, pensa: ne stai producendo anche ora!Di fatto, l’Energia Glänzen è la memoria storica di ognuno di noi.Ma sta svanendo.Noi vogliamo impedirlo!Come?Giocando, ovviamente!Quadrivium, infatti, è un videogioco storico per mobile che prevede l’uso di geolocalizzazione e realtà aumentata. Il giocatore, ovvero uno delle nostre matricole, sarà chiamato alle armi per difendere la memoria storica del mondo. Dovrà interagire con luoghi, monumenti e oggetti per portare a termine le missioni che gli affideremo. Scoprendo le storie di quei luoghi, monumenti e oggetti potrà salvare allo stesso tempo l’Energia Glänzen.Certo, non è una cosa da poco conto, lo sappiamo. Ma noi abbiamo due superpoteri, un super team di persone pronte ad avviare la missione e dei super giocatori che non vedono l’ora di provare il nostro gioco. Noi siamo pronti: tocca a voi. Entrate nel gioco, entrate nella Storia!
Titolo ProgettoSea Quality
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Categoria Industrial
L’idea imprenditoriale La nostra startup  propone soluzioni innovative per il monitoraggio da satellite dei parametri di qualità dell’acqua negli allevamenti di acquacoltura, con particolare attenzione alle microplastiche.La mappatura delle microplastiche verrà effettuata integrando dati satellitari e misure di campo, mediante un apposito sensore innovativo in fase di sperimentazione in grado di rilevare la presenza e la quantità di microplastiche nell’acqua entro un certo raggio; tale misura di campo verrà data in input ad un modello sviluppato dall’ESA (MEDSLIK-II) che restituirà la distribuzione superficiale delle microplastiche nel mare.Altri parametri indicatori di qualità dell’acqua nell’allevamento che verranno monitorati via satellite: temperatura, salinità, pH, ossigeno disciolto, biomassa algale, correnti marine, venti.
Titolo ProgettoStrokeCap
Ateneo di riferimento Università degli studi di Roma Tor Vergata
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale StrokeCap si candida ad essere il primo dispositivo portatile per la diagnosi delle lesioni cerebrali in fase pre-ospedaliera (ambulanza/primo soccorso). Attualmente la diagnosi si basa su esami di neuro-imaging realizzati con tecniche di Tomografia Computerizzata (TC), quindi effettuabili unicamente presso ospedali e strutture specializzate che dispongano di tali costose apparecchiature. Non esistono attualmente sistemi che siano tecnicamente pronti o economicamente conveniente per realizzare tale tipo di diagnosi, che permetterebbe di ridurre i tempi di intervento di almeno 40-50 minuti, e a sua volta di ridurre sia la mortalità che la disabilità del paziente, con una conseguente riduzione delle cure e dei costi per il sistema sanitario che oggi si stimano essere di 64 bilioni di Euro in Europa. StrokeCap si basa sulla tecnologia di imaging diagnostico a microonde detta “UWB radar”.
Titolo ProgettoT E T I S (catetere orientabile multiuso per procedure di cardiologia interventistica complessa)
Ateneo di riferimento Università Campus Bio-Medico di Roma
Categoria Life Sciences
L’idea imprenditoriale TETIS è un catetere orientabile multiuso  pensato e disegnato per migliorare i risultati degli interventi di cardiologia interventistica transcatetere in pazienti che non posso effettuare l’intervento chirurgico perché ad alto rischio. Negli ultimi 10 anni l’interventistica valvolare transcatetere ha fatto notevoli progressi,  con risultati clinici molto buoni ed un mercato in continua espansione. Tale branca della cardiologia interventistica richiede un addestramento specifico ed esperienza . Il catetere è stato ideato proprio per queste procedure per la sua estrema versatilità, infatti è orientabile in tutte le direzioni ed è costituito da più ipotubi che permettono il posizionamento di diversi dispositivi con diverse funzioni per la ricattura e riposizionamento di protesi. Permette quindi per la risoluzione  immediata  di impianti transcatetere complessi e delle complicanze. Il primo target del TETIS è il trattamento della valvola mitrale. La valvulopatia mitralica è infatti molto diffusa ma solo metà dei pazienti possono essere operati perché spesso ritenuti a rischio chirurgico proibitivo.  C’è un impellente necessità di sviluppo di tecniche non invasive e quindi sia di protesi impiantabili transcatetere che di delivery sistem come il TETIS.  Il progetto avrà una durata di  36 mesi ed un costo di 2,5 milioni di euro per produrre il primo prototipo, e la prima serie di cateteri  per ottenere il marchio CE.
Titolo ProgettoToolery
Ateneo di riferimento Università degli studi di Roma Tor Vergata
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale Il progetto nasce dall’esigenza di digitalizzare il comparto edile partendo dai bisogni degli operatori del settore. Toolery è una piattaforma proprietaria basata su intelligenza artificiale che abilita la conversione digitale del comparto edile introducendo la cultura del dato in un settore purtroppo scarsamente digitalizzato. La piattaforma “cloud based” permette la creazione di un e-commerce in maniera semplice con attenzioni specifiche per il settore edile. Oltre alla gestione degli ordini, la piattaforma permette la gestione del flusso di lavoro interno alla rivendita. Toolery è in oltre in grado di abilitare l’automazione del servizio di consegna con analisi del percorso e gestione del carico per singolo trasporto. Grazie alla piattaforma ogni impresa edile potrà limitare le attese preso i rivenditori di materiale edile efficientando il processo di acquisto. Le imprese potranno prenotare il materiale trovandolo già pronto sulla piazzola di carico del rivenditore oppure riceverlo direttamente in cantiere.Dopo aver testato la versione beta della piattaforma per più di tre mesi presso un partner, abbiamo raccolto 100.000,00 € che finanzieranno le attività di sviluppo di prodotto e commerciale che svolgeremo nel 2021. Grazie all’accordo con il rivenditore partner, sfruttando fondi ricevuti e la rete commerciale messa a disposizione del progetto, abbiamo l’obiettivo di sviluppare il business nel Lazio per poi espandere il progetto in Italia e in Europa.

2019

Titolo ProgettoCAR-AUDIRE
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale L’inquinamento acustico è uno dei più grandi rischi per la salute. Pertanto, ai fini della qualità della vita, cresce ogni giorno nelle città la necessità e l’importanza del monitoraggio acustico, con la produzione di mappe di rumore accurate e attendibili. CAR-AUDIRE intende usare le auto come sensori distribuiti con approccio collaborativo, dotandole di un “orecchio intelligente” capace di effettuare misure acustiche e ambientali che, inviate attraverso standard di comunicazione wireless orientati alla IoT, possono essere usate per la creazione di mappe in tempo reale di rumore, inquinamento e luminosità nelle città oltre che per riconoscere eventi sonori e reagire ad essi in modo appropriato (car crash).Tutto questo può essere realizzato utilizzando i veicoli parcheggiati come sensori intelligenti remoti distribuiti. Il dispositivo non richiede installazione ed è energeticamente autonomo: non è quindi invasivo rispetto al veicolo. Una volta collocato sull’autovettura, provvede alla raccolta dei dati in maniera automatica e del tutto trasparente al guidatore. L’originalità di CAR-AUDIRE consiste nell’integrazione di tecnologie avanzate di diversa natura, applicate all’Automotive per l’analisi intelligente del rumore ambientale – e non solo. Punto focale del progetto è la realizzazione di una piattaforma hardware che avrà la capacità in prima battuta di misurare il rumore ambientale e, in seconda, di analizzarlo. Si tratta di un’architettura hardware riprogrammabile basata su FPGA, che unisce capacità di elaborazione di segnale a basso consumo energetico, tecniche di intelligenza artificiale e geolocalizzazione GPS, all’interno di un ecosistema Internet of Things (IoT) insieme a un’infrastruttura di servizi Cloud, permettendo una grande versatilità “orizzontale” – ossia l’adattabilità a una vasta gamma di applicazioni presenti e future.
Titolo ProgettoCarboacciaio
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Categoria Industrial
L’idea imprenditoriale Nanomateriali di carbonio per proteggere gli acciai dalla corrosione.Nel caso dei tondini e nei manufatti di ferro utilizzati come parti strutturali nel cemento armato, non viene effettuato nessun trattamento superficiale, forse a causa dell’eccessivo costo del processo. Così spesso con il tempo si produce uno scollamento tra il ferro e il materiale cementizio circostante a causa delle infiltrazioni di acqua e dell’intrinseca porosità e adesione del cemento alla struttura di acciaio. Questo problema interessa non solo i 60.000 ponti e viadotti costruiti in cemento armato, ma anche gran parte delle abitazioni civili e i balconi della nostra nazione. In questo scenario, i nanomateriali offrono soluzioni innovative interessanti, alcune delle quali già sperimentate in laboratorio. L’idea del progetto consiste nel far crescere film continui di CNT su acciai di vario spessore che formino una barriera continua in grado di aderire in modo permanente alla superficie del materiale metallico, conferendogli alcune importanti proprietà aggiuntive. Quelle da noi sperimentate sono: l’azione come barriera protettiva da agenti corrosivi esterni come acqua (a basso e alto contenuto di sali disciolti), essendo i CNT altamente idrofobici, e da agenti ossidanti; la maggiore resistenza allo sforzo meccanico; la riduzione della resistenza aerodinamica; l’azione anti-incrostazioni (anti-fouling) e anti-contaminazione e l’ottenimento di superfici metalliche autopulenti.
Titolo ProgettoCASTOR (CompAct uSer-friendly deTector for iOnizing Radiation)
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Categoria Life Sciences
L’idea imprenditoriale Castor è un rivelatore di radiazioni per la radioprotezione della popolazione e delle infrastrutture critiche, in grado di rivelare e localizzare le minacce in maniera user-friendly.Grazie a un hardware di innovativa concezione, può identificare, quantificare e localizzare in tempo reale sorgenti di radiazioni ionizzanti nell’ambiente. I campi di applicazione del rivelatore sono:Radioprotezione di ambienti e personeSicurezza: controllo di porti, aeroporti, dogane e delle merci che vi transitano rispetto all’individuazione di contaminazioni radioattiveAnti-terrorismo: controlli delle forze dell’ordine civili e militari atti a scongiurare attacchi terroristici basati su ordigni radiogeni (bombe sporche).
Titolo ProgettoEgg-o – La culla indossabile
Ateneo di riferimento Università di Cassino e del Lazio Meridionale
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale Egg-o è una culla indossabile.Un oggetto multifunzionale, nato dall’idea di fornire alle madri in fuga dai bombardamenti uno strumento utile per trasportare i propri bambini in casi di emergenza, che può diventare un semplice oggetto di trasporto adattabile alla vita di tutti i giorni, al trekking o alla semplice passeggiata urbana. Egg-o è leggero, veloce da montare, sicuro, grazie alle sue luci di segnalazione notturna, facile da trasportare, grazie ai suoi agganci appositamente studiati, ed è comodo sia per le madri che per i bambini.La struttura di Egg-o è stata pensata per essere costruita con materiali sostenibili, in particolare fibra di lino o bamboo, al fine di essere biodegradabile se abbandonato nell’ambiente esterno. La sua particolarità è proprio quella di unire una grande semplicità di forma, montaggio e usabilità a una proposta articolata di possibilità e funzioni, adattabili a situazioni e luoghi più disparati. Il tessuto elastico, traspirante e fasciante si adatta al corpo di bambini e mamme ed è fatto esclusivamente con cotone organico.
Titolo ProgettoGSIDE TK KART
Ateneo di riferimento Università di Cassino e del Lazio Meridionale
Categoria Industrial
L’idea imprenditoriale GSIDE TK KART mira a sviluppare tecnologie, competenze e innovazione nel settore del motorsport “sostenibile”. Nasce nell’ambito di un progetto di ricerca dedicato allo sviluppo di tecnologie avanzate per la mobilità elettrica. Coinvolge ricercatori, studenti, docenti, imprenditori e sportivi del mondo automobilistico nello studio e nello sviluppo di tecnologie per l’elettrificazione dei veicoli stradali e sportivi. I principali settori di ricerca avviati in ambito motorsport riguardano:Sviluppo e realizzazione di kart elettrici da competizioneProgettazione di sistemi di gestione dell’accumulo energetico di bordo (BMS+batterie)Sviluppo di piattaforme per la telemetria on-line e off-line per veicoli da competizioneProgettazione di veicoli elettrici e ibridi ad alte prestazioni.Gside Tk Kart è il primo Kart elettrico da competizione in Italia.I prototipi realizzati all’interno dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale sono stati presentati al Salone Internazionale di Montecarlo, riscuotendo un notevole interesse.
Titolo ProgettoMongoose
Ateneo di riferimento Luiss Guido Carli
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale Il progetto nasce grazie allo sviluppo di una nuova infrastruttura di rete che si chiama NB-IoT. Grazie a questa tecnologia, siamo riusciti a creare uno smart alarm per veicoli a motore e non, che è allo stesso tempo funzionale, economico e di piccole dimensioni.Mongoose è in grado di rilevare lo spostamento del veicolo e avvisa il proprietario se non si trova nelle vicinanze. Non ha bisogno di un’istallazione dedicata, in quanto è possibile nasconderlo ovunque, ha una durata della batteria di oltre un anno ed è pensato per essere Low Cost. Il prodotto nasce per essere commercializzato sui market place, nei concessionari di auto/moto e nei negozi specializzati di biciclette. Il valore aggiunto è dato da un potente algoritmo che riesce a triangolare la posizione del dispositivo consumando poca energia e dal suo essere attualmente unico sul mercato. Il progetto inoltre si inserisce in un mondo più ampio che è quello dell’IoT, il prodotto è modulare e può essere utilizzato anche per altri settori, come il monitoraggio di Gas e Acqua, la rilevazione di incendi o allagamenti e l’ottimizzazione dei parcheggi.
Titolo ProgettoMy Home Please!
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata 
Categoria Industrial
L’idea imprenditoriale Il progetto imprenditoriale denominato Armònia ha come obiettivo la diffusione sul mercato dell’omonima transit-house, una unità abitativa transitoria e sostenibile, finalizzata a rispondere ad esigenze residenziali di utenti in situazioni di emergenza o di precarietà sociale. La transit-house si pone l’obiettivo di raccogliere la sfida di un disagio abitativo che non può essere trattato nelle modalità canoniche. Affronta il tema della transitorietà residenziale attraverso un modello di microarchitettura caratterizzata da un sistema costruttivo innovativo, In-Diesis, in grado di garantire un elevato grado di precisione nella messa in opera, la modularità e la flessibilità degli spazi, la vivibilità degli interni e la sostenibilità ambientale, attraverso l’utilizzo di un materiale versatile e green, appositamente studiato. La tecnologia costruttiva è l’innovazione di questo progetto. L’oggetto d’invenzione è definibile come procedimento agevolato di montaggio a tolleranza controllata di uno stesso elemento che costituisce l’unità di base. La ripetizione del modulo genera poi l’involucro che definisce gli spazi. Rispetto alle tecnologie tradizionali, il sistema costruttivo oggetto di brevetto, che fa capo alla categoria di sistema di prefabbricazione leggera, assicura un elevato livello di precisione in fase di posa in opera, ovviando a problemi che molto spesso incidono negativamente sul processo costruttivo.
Titolo ProgettoProNeuro
Ateneo di riferimento Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR
Categoria Life Sciences
L’idea imprenditoriale La mission dell’impresa spin-off CNR ProNeuro è molto ambiziosa: individuare e sviluppare farmaci che permettano al sistema nervoso danneggiato di riprendere a funzionare correttamente, limitando o evitando lo sviluppo di disabilità gravi e permanenti. La nostra visione è quella di un’azienda biotech di Ricerca e Sviluppo Farmaceutico. L’idea di trovare uno sbocco commerciale per il nostro lavoro di ricerca e sviluppo in ambito neurofarmacologico, nasce da due progetti in cui siamo stati coinvolti come ricercatori CNR. Nel primo abbiamo partecipato, come produttori delfarmaco sperimentale NGF, a una sperimentazione clinica di tipo compassionevole in cui due pazienti pediatrici affetti dagli esiti di gravissimi traumi neurologici, sono stati trattati con NGF somministrato per via intranasale, per rendere ottimale la penetrazione del farmaco al parenchima cerebrale. I risultati sono stati eclatanti ma purtroppo il farmaco NGF non ha un profilo farmacologico ottimale, a causa dalla sua estrema delicatezza e fragilità e dell’altissima possibilità di sviluppo di effetti collaterali legati al suo utilizzo. Abbiamo quindi sviluppato un secondo progetto, in cui, avvalendoci di analisi predittive bioinformatiche e della messa a punto di specifiche metodologie di indagine, abbiamo scoperto, primi al mondo, che una molecola precursore di NGF (proNGF-A), è più robusta e tollerabile di NGF e altrettanto efficace dal punto di vista terapeutico. Abbiamo quindi apportato modifiche alla molecola proNGF-A, tramite ingegneria genetica, per riuscire a produrla su scala di laboratorio, cosa che nessuno è stato finora in grado di fare.
Titolo ProgettoTokeville
Ateneo di riferimento Roma Tre
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale L’app Tokeville crea una rete attiva di collaborazione tra cittadini, imprese e associazioni che permette di rigenerare le aree più degradate, risolvendo in maniera efficiente i problemi legati al territorio. Grazie a Tokeville, il bisogno di visibilità delle imprese incontra le esigenze delle comunità locali, in modo che ciò che fa bene alla società faccia bene anche al mercato. Le segnalazioni che ricevono maggiore priorità permettono agli utenti che le hanno effettuate di accumulare punti e trasformarli in vantaggi economici con i nostri clienti. La priorità segnalata verrà presa in carico e risolta in maniera rapida ed efficiente, grazie al coinvolgimento di associazioni e alla partecipazione economica delle imprese locali.In cambio degli investimenti, offriamo visibilità all’interno della App e sponsorizzazioni nelle aree rigenerate, permettendo agli utenti di distinguere le imprese più virtuose sul territorio.In conclusione, la nostra app Tokeville crea community locali attive sul territorio e una collaborazione viva fra imprese, cittadini e associazioni, grazie alla condivisione di valori sociali ed economici.
Titolo ProgettoWorky
Ateneo di riferimento Università degli Studi di Roma Tor Vergata
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale Per la creazione di Worky siamo partiti da due distinte necessità. In primo luogo esiste l’esigenza, per i milioni di nomadi digitali in tutto il mondo, di trovare una postazione di lavoro flessibile, non legata al territorio. Questa categoria di persone svolge un lavoro itinerante non legato a un unico luogo fisico e in genere lavora all’interno di strutture denominate co-working space, uffici condivisi riservati a freelancer, startupper e professionisti.D’altra parte esiste una problematica all’interno di questi co-working space, relativa all’ottimizzazione degli spazi (o workstation) derivanti dagli ingressi giornalieri, con postazioni che rimangono inutilizzate o che non sono utilizzate con costanza.La nostra soluzione risolve entrambe le problematiche, grazie a un unico abbonamento mensile che consente, dal lato dei nomadi digitali, di entrare in tutti i co-working space associati al nostro network e permette l’ottimizazzione degli spazi dei co-working space, grazie a un incremento degli utenti giornalieri attivi, garantendo, quindi, un nuovo flusso di clientela.
Titolo ProgettoYoutopia
Ateneo di riferimento Luiss Guido Carli
Categoria ICT
L’idea imprenditoriale Youtopia (l’utopia che inizia da te) si propone come il primo social network volto a rivoluzionare la società stimolando scelte e condotte altruistiche da parte degli individui, attraverso incentivi in favore di comportamenti con elevato valore sociale o ambientale. La piattaforma avrà più funzioni. La prima consiste nel connettere gli utenti di Youtopia con eventi, localizzati vicino a loro, di volontariato o micro-volontariato a sfondo sociale o ambientale tramite un meccanismo di ricerca personalizzabile. La seconda invece è l’invito a produrre contenuti mediali in grado di comprovare le buone azioni compiute durante la giornata. Sia registrandosi e partecipando agli eventi di volontariato, sia postando contenuti personali, gli utenti verranno ricompensati in “karma points” assegnati dall’algoritmo di Youtopia. Grazie ad accordi con aziende selezionate, gli utenti potranno in seguito utilizzare i “karma points” accumulati per acquistare sul “Karmet” (il mercato virtuale di Youtopia) a prezzi ridotti articoli biologici, green, a basso consumo energetico, ad alta compatibilità ambientale, etc. in grado di incrementare sempre più un trend sociale e ambientale, creando così un circolo virtuoso.

2018

Titolo progettoBeeWatch
Ateneo di riferimentoUniversità degli Studi di Roma Tor Vergata
CategoriaCleantech & Energy
L’idea imprenditorialeBeeWatch è un sistema per il monitoraggio da remoto dello stato di salute delle api/arnie, attraverso l’uso di sensori provenienti dal mondo della ricerca, performanti e a basso costo. Il prototipo, in via di finalizzazione, permette di monitorare contemporaneamente 4 arnie offrendo, rispetto ai principali competitor, ulteriori strumenti quali la video camera e la termocamera.
Titolo progettoDOM TERRY AGRISOLUTIONS “La Rivoluzione Verde”
Ateneo di riferimentoUniversità di Cassino e del Lazio Meridionale- Imprendilab “Laboratorio per la promozione dell’imprenditoria e dell’innovazione”
CategoriaCleantech & Energy
L’idea imprenditorialeDom Terry AgriSolutions è una costituenda start-up innovativa che si propone di ricercare, sviluppare e commercializzare fertilizzanti biologici a basso impatto ambientale, perseguendo così l’obiettivo di ridurre l’impiego di prodotti chimicamente dannosi per la salute dell’uomo e dell’ambiente. Dom Terry AgriSolutions proseguirà il cammino tracciato da Dom Terry dedicandosi interamente al settore delle biotecnologie innovative per l’agricoltura con prodotti brevettati ad alto valore tecnologico.
Titolo progettoIdroluppolo
Ateneo di riferimentoUniversità degli Studi di Roma Tor Vergata
CategoriaCleantech & Energy
L’idea imprenditorialeIdroluppolo è il primo in Europa in grado di produrre luppolo mediante colture idroponiche. Il raffinato processo produttivo messo a punto permette di personalizzare le caratteristiche organolettiche del prodotto mediante il bilanciamento della soluzione nutritiva, di monitorare costantemente la vita della pianta, di controllare il consumo di acqua e di incrementare la quantità di luppolo prodotta per metro, eliminando così tutti i punti deboli della coltura tradizionale.
Titolo progettoKINDI – Il commercialista in tasca
Ateneo di riferimentoUniversità Niccolò Cusano, Roma
Università Roma Tre, Roma
CategoriaICT
L’idea imprenditorialeKINDI è un’app che si rivolge ai commercialisti e ai loro clienti per snellire lo studio da carta e procedure, facilitare la comunicazione con i clienti, condividere strumenti e dati. Basato su tecnologia laser-scan e sistemi di interfaccia, KINDI trasforma i documenti da cartacei in digitali, li classifica e inserisce i dati in essi contenuti in un database, agevola la condivisione di strumenti-informazioni e ottimizza le fasi del processo amministrativo-contabile, automatizzando procedure standard.
Titolo progettoMicrobalance Sensor Technologies (MST)
Ateneo di riferimentoConsiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IIA)
Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)
CategoriaIndustrial
L’idea imprenditorialeMST ha sviluppato un innovativo sensore a microbilancia in grado di misurare masse di un miliardesimo di grammo e discriminare i composti contaminanti destinato al monitoraggio della contaminazione da vapori organici in ambienti spaziali. La tecnologia sviluppata trova numerose applicazioni anche nel segmento di mercato Air quality, in settori in cui sono richiesti alti standard di controllo della contaminazione, quali: Musei, Biblioteche, Telecomunicazioni e centri di calcolo. Il prodotto ha un costo molto competitivo, si presenta con una struttura user friendly e offre la possibilità di individuare la tipologia degli agenti corrosivi.
Titolo progettoRECO2 Srl
Ateneo di riferimentoUniversità di Cassino e del Lazio Meridionale
CategoriaCleantech & Energy
L’idea imprenditorialeRECO2 realizza un’ampia gamma di materiali per la bioedilizia utilizzando esclusivamente materie prime seconde, per lo più scarti inerti, che trovano nuova vita grazie ad un rivoluzionario processo produttivo basato sull’attivazione alcalina, che consente lavorazioni a bassissima temperatura, rispettose dell’ambiente, caratterizzate da bassissime emissioni di CO2 e limitato consumo di energia primaria ed acqua. I prodotti RECO2 permettono così di superare i limiti dei tradizionali processi produttivi ceramico-cementizi e di dare vita ad un circuito virtuoso di economia circolare.
Titolo progettoSapore di-Vino
Ateneo di riferimentoSapienza, Università di Roma
Università Niccolò Cusano
CategoriaCleantech & Energy
L’idea imprenditorialeSapore di-Vino propone uno strumento portatile innovativo, basato su avanzate tecniche di spettroscopia, in grado di fornire informazioni quali-quantitative sui parametri di uve e vini. Il dispositivo è in grado di monitorare la maturità tecnica e fenolica e lo stato di nutrizione della vite, mediante test non distruttivi, offrendo supporto alle aziende della filiera vitivinicola nell’ottimizzazione della produzione, dalla vigna fino alle botti. Prototipo disponibile nel primo semestre 2019.
Titolo progettoSPlastica: Plastica Sostenibile
Ateneo di riferimentoUniversità degli Studi di Roma Tor Vergata
CategoriaCleantech & Energy
L’idea imprenditorialeProduzione di nuovi materiali simili alla plastica 100% biodegradabili e compostabili, a base di polimeri naturali, prodotti a partire da scarti alimentari non più edibili. Il valore aggiunto delle bioplastiche di SPLastica risiede nell’utilizzo di prodotti di scarto, i cui costi di smaltimento e l’impatto ambientale vengono drasticamente abbattuti, per dar vita a nuovi oggetti di valore. L’esperienza di ricerca e sviluppo del team permette di modulare le proprietà delle bioplastiche sulla base delle esigenze di mercato.
Titolo progettoToys Therapy
Ateneo di riferimentoQuasar Design University
CategoriaLife Science
L’idea imprenditorialeIl progetto TOYS THERAPY mette a punto attività ludiche e interattive ispirate a percorsi terapeutici e basate sul Physical Computing, destinate ai bambini che attendono la presa in carico riabilitativa, spesso soggetta a lunghe attese. Il prototipo attualmente sviluppato si rivolge ai piccoli pazienti disgrafici; è allo studio la sua implementazione per altre tipologie di bisogni speciali.
Titolo progettoVoice Wise, la Tua Voce la Tua Salute
Ateneo di riferimentoUniversità degli Studi di Roma Tor Vergata
CategoriaLife Science
L’idea imprenditorialeOgni persona ha una voce che la distingue da ogni altra. Ciò perché la voce è influenzata dallo stato dei nostri organi interni, dall’attività celebrale e dalle condizioni a contorno. Dato che la voce ha migliaia di parametri diversi, dalla loro misura si possono avere le informazioni sullo stato di salute della persona. Ogni diversa patologia causa variazione di singoli parametri vocali, pertanto l’analisi della voce è uno strumento di valutazione dello stato di salute. Questo innovativo sistema di screening sanitario basato sull’analisi della voce del paziente è caratterizzato da non invasività, semplicità ed economicità, per servizi di monitoraggio e diagnostica. Oltre al settore salute, VoiceWise trova applicazione negli ambiti Wellness, Sport e Sicurezza.